Recensioni

Ce sto a lavorà...

Quando parli del dolore impara a raccontare il silenzio. "Il suono del mondo a memoria" di Giacomo Bevilacqua, un treno a vapore così vicino eppure così lontano.

Il teorema Sabrina Salerno applicato a "Yeruldelgger". Il tempo perdonerà la versione cartacea di un film di Jean-Claude Van Damme nel ruolo di un ispettore mongolo? Io e Yoda non crediamo.

La vicina perbene, l'insetto schifoso, il vicino trasandato e lo spirito del tempo. "Io sono vivo e voi siete morti", biografia di Philip Dick by Carrère, quando la follia forse è solo (o anche) incapacità di adattamento ad un mondo crudele che non ci appartiene.

Le regole di Bechdel e un procelloso polpettone. "L'isola dei cacciatori di uccelli" di Peter May, un giallo (?) virile che pare un fotoromanzo tra disgrazie, morti, tradimenti, figli segreti e poveri uccelli dalla carne tenera.

Le recensioni parallele. Il pessimo "Il fermaglio" di Sloane Crosley e il frizzante "Camera Single" di Chiara Sfregola. I trentenni non sono uguali sulle due sponde delle oceano, alcuni sono meno egocentrici dei loro coetanei.

Storia di una rubrica che fu e che ogni tanto è ancora (e tre sugosi suggerimenti). Piccoli libri per piccoli tragitti: debuttanti fresche di campagna by Alcott, inquietanti paesi di soli ciechi by Wells e cortigiane molto moderne by Luciano di Samosata.

La ribellione non è un pranzo di gala. "Le tre sorelle" di Bi Feiyu, la colpevolizzazione della vittima e il prezzo delle regole ad ogni costo. Ciò che pagarono Rosemary, Frances e troppe ragazze ancora adesso.

Il dolore può avere amici: "Rosalie lightning", un viaggio nel regno dei morti per riuscire a cantare di una figlia che non c'è più.Perché i vivi devono trovare il modo di uscire dall'Ade, ad ogni costo.

Piccole recensioni tra amici! Gatti venuti dal cielo, Crocchette e panzerotti innamorati, mescalina, komplottari e Philip Dick.

La paura viene dallo spazio, dalla terra o da un luogo inafferrabile? "Quell'estate di sangue e di luna" di Baldini e Fabbri e quella capacità di cogliere un frammento del terrore cosmogonico che Lovecraft descrisse con una precisione inquietante.

Il caldo concilia gli incubi. Tre consigli carichi di orrore, vampiri, bambini oscuri, ex innamorate fantasma, nobildonne folli e tanto gotico ottocentesco, per quelle sane letture di inizio estate cariche di turbamenti.

Piccole recensioni tra amici funestate dal maltempo! "Come quando eravamo piccoli" melensa graphic novel di cui non si sentiva la necessità e "Lampi" egregio lavoro di Fumiko Hayashi.

I ragazzi hanno bisogno di esempi, non di Exempla. La differenza sottile tra un libro che procede per temi didascalici e una storia in cui precipitare follemente. Entrambi possono piacere, ma solo uno lascia qualcosa.

La distopia non è un genere per signorine. Davvero? Il mondo inquietante di "Solo per sempre tua" di Louise O'Neill, un incubo fantascientifico che a sprazzi esiste già.

"Il magico potere del riordino" di Marie Kondo: una grande intuizione politica sacrificata sull'altare della sciuraggine. Se potessimo davvero controllare le nostre pulsioni all'accumulo, saremmo in grado di cambiare il mondo.

Il senso della discriminazione per Chimananda Ngozi Adichie in "Americanah". Perché le minoranze non si sentono tutte sulla stessa barca? Una riflessione sul razzismo, l'orgoglio, un malinteso senso di superiorità e il nostro unico comune tiranno.

Piccole recensioni tra amici! Assurdi poliziotteschi napoletani, cavalli di ritorno, night club cinesi e Qiu Xiaolong e l'ennesima delusione di Banana Yoshimoto (perché?? Sigh).

Capirai quando sarai adulto. Il mondo è anche un posto difficile, è giusto nasconderlo ai bambini? Tre letture per parlare ai pargoli di guerra, sessismo e uso distorto del denaro.


E se la storia fosse un grande racconto sospeso tra il fantastico e il reale? "ll libro delle meraviglie" di Flegonte di Tralle, storico antico sospeso tra Quentin Tarantino, i fantasmi, Gesù Cristo e molti mondi.

Dire addio alle case della nostra infanzia è dire addio ai nostri ricordi? "La casa" di Paco Roca, i genitori e i nonni che ci lasciano, la forza di lasciar andare e di lasciare in sospeso quel che non può svanire, per nessun motivo.

Il mistero di Giovannino Guareschi: chi era davvero costui? Tre titoli (+1)per scoprire scandali, inquietudini di una vita appassionata tra don Camillo, Peppone, i giovani d'oggi, i lager nazisti e i contorni di un'Italia ambigua.

Di cosa ha paura Zerocalcare? Una recensione perplessa di "Kobane Calling", alla ricerca del suo cuore mancante: quello crudele, in grado di attivare una porta magica e consegnarci una storia che risplende grazie alle sue ombre. Bisogna compiere un sacrificio per diventare grandi.

Non di sola Scandinavia vive la sezione dei romanzi gialli. Quattro titoli per avventurarsi tra i misteri del Mali, polizieschi medievali arabi, Sherlock cinesi e dare una possibilità ad un ormai celebre Botswana.

Come ha potuto fare questo? Era una così brava persona! Cosa succede quando un elemento esterno stravolge gli sterminati campi della normalità. La recensione de "Il cormorano" di Stephen Gregory.

Siamo mai stati davvero liberi? Il moralismo nell'adolescenza, la provincia addormentata, il sessismo nel fumetto, il giudizio degli altri e la recensione di "Incendi estivi" di Giulia Sagramola.

Quello che è davvero l'amore. La recensione de "La cartella del professore" di Hiromi Kawakami, una storia dolce, delicata e carica di rispetto tra office lady, solitudine, vecchiaia e parecchio cibo.

Piccole recensioni tra amici!! Periodo di magra ahimè tra gialli che non sono gialli, pettegolezzi di paese che non fanno un'indagine, recensioni troppo nerd per i comuni mortali e soliloqui palloserrimi in un'Italia che non esiste.

Il reale e il surreale: quanto siamo capaci di cogliere l'improbabile nascosto nell'ordinario? La recensione de "Il primo uomo cattivo" di Miranda July, con un tocco di Benni e qualche ceffone poco metaforico ben assestato.

Lo scrittore che sembra aver viaggiato nel tempo: Samuel Butler in "Erewhon". Può un'utopia ottocentesca tecnofoba su un paese dalla morale curiosamente sovvertita essere lo specchio preciso dei nostri tempi? Tra delitti, ricchi, macchine astute, luddismo e crononauti fa paura dirlo ma: sì

L'otto marzo dovrebbe insegnare una cosa a tutti e tutte: lottare per i propri diritti! Cinque titoli per conoscere meglio le donne che hanno fatto l'editoria (e la politica) italiana, tra mimose, resistenza, giornalismo e femminismo.

Quando la tecnica ammazza il contenuto o anche quando lo scrittore non ha il coraggio di affrontare il proprio dolore. Una recensione perplessa e non soddisfatta de "L'opera struggente di un formidabile genio" di Dave Eggers.

Un piccole recensioni tra amici solo di graphic novel! Tra dipendenza dal sesso, tavoli dei piccoli e dei grandi, Ballarò in loop, okkupazioni e paesi che stanno sulla collina, finalmente la libertà dalle letture obbligate.

Milano la misteriosa. Davvero c'è poco da vedere nella città meneghina? E soprattutto, davvero non ci sono fantasmi? Sposine adultere, eretiche femministe, dame velate e Dario Argento per scoprire il lato oscuro della nebbiosa.

"Cloud Atlas", i supermercati notturni e la valanga di cui non siamo consci di far parte. Perché siamo tutti uniti da un'immensa rete che attraversa epoche e luoghi come una trappola.

La montagna, questa (per me) enigmatica sconosciuta. Quattro libri di avventure drammatiche o rocambolesche vissute realmente sulla cime di crudeli montagne, tra tabù, II guerra mondiale e scelte impossibili.

Perché gli esseri umani costruiscono uomini elettrici? Cyborg, automi e robot nella storia dell'umanità tra fantascienza e "Identità cyborg", Erone, miti, cyberspazio, papi scienziati, teste parlanti e anatre.

Piccole recensioni tra amici! Stavolta tra noi: un classico paraincestuoso dalla madre di "Piccole donne", una graphic novel italica e disturbante e vampiri poliamoristi che distruggono le nostre certezze.

Piccole recensioni tra amici direttamente dall'influenza! Commissariati di reietti, adolescenti sopravvalutati, classici ahimé per ora abbandonati e storie d'amore e formazione nella provincia addormentata.

L'Africa coloniale italiana, la "mondina nera", una storia d'amore moderna e un partigiano particolare per capire chi siamo davvero rispetto alla storia. Recensione di "Timira" di Wu Ming e Antar Mohamed.

La befana vien di notte con le scarpe tutte rotte!! Un po' di ricordi e quattro letture per ricordare che il mondo potrà forse preferire il barbuto signore dalla giubba rossa, ma noi si griderà sempre viva viva la befana!

"Il nuovo sesso: Cowgirl" di Tom Robbins: come dimostrare che "la normalità è la nevrosi della civiltà" in una sola rapida mossa (a base di lazi, gru, avvenenti giovani ed enormi salsicciottosi pollici).

Le recensioni parallele: i gialli del greco Markaris vs i gialli del cinese Qiu Xiaolong. Quando gli omicidi rivelano la natura e la storia di un popolo tra cibi inquietanti, giudizi troppo spicci, mancanza di empatia e domande irrisolte.

"Luce perfetta" di Marcello Fois, il capitolo finale della saga dei Chironi. Quando l'amicizia è raccontata come una grande e terribile storia d'amore, tra macguffin letterari, donne che sono solo pretesti, scelte che non facciamo e destini che pensiamo di subire.

La seconda infornata di consigli per le letture delle vacanze! Favolose vite di artiste, re di farina, autori dalla vita romanzesca, gesuiti sotto Lsd e saghe familiari sarde molto attese per una vasta goduriosa scelta!

La prima infornata dei consigli di lettura per le vacanze! Tanta saggistica e un po' di fumetto tra biografie pop, infanzie africane, binarismo sessuale, ammmmore filosofico e ragù umani.

Due libri meno conosciuti sul gruppo più famoso della storia: i Beatles! Tra componenti perduti in Germania, tagli di capelli alla francese, leggende metropolitane, amori finiti male e messaggi dall'aldilà due consigli di cui non vi pentirete!

I tortuosi e misteriosi meandri della mente: fin dove può spingersi l'umana follia? Conosciamo davvero i nostri simili? Una storia inquietante a me realmente avvenuta e tre libri a base di Cristi, Ufo e visioni di numeri primi (e un suggerimento dal Giappone)!

Ciò che rimane agli "Uomini senza donne" di Murakami e agli esseri umani quando si infrange l'immagine di chi hanno sempre creduto di essere. Perché è sempre difficile trovare "Il senso di una fine", di un inizio e di un cammino. Due recensioni unite da un filo.

"Il lago" di Banana Yoshimoto e il sacrosanto diritto a leggere quello che stracavolo ci pare quando ne abbiamo bisogno. Perché la lettura è tante cose, anche lo zucchero nel caffè. (Post con incontro with Yoshimoto e spoiler nel finale!)



Piccole recensioni tra amici! Quando la serendipità funziona male: tra Alligatori, ladri di libri, esistenzialisti francesi, province americane e perdenti, tre libri che non mi hanno convinta!

Camilleri, Montalbano e la cucina. Esperimentone da book-cook-blogger: un'intera cena che mangerebbe l'amato commissario siculo, che insomma, alla follia letteraria non ci può (e non ci deve) essere fine!

Un giallo per l'estate. Le mie recenti letture gialle come ideuzza per l'estate.Tra scambi di persona, inesorabili, libri malvagi e ladri gentiluomini perché il caldo concilia il mistero.

L'estate, i fantasmi e la perdita dell'innocenza. Apprezzare il simbolismo decadente di una stagione estrema leggendo un po' di sano summer goth: Tony Sandoval, i suoi mostri e i favolosi acquarelli.

La matematica come rivolta. La vita struggente di un formidabile genio:"Evariste Galois" di Leopold Infeld, tra rivoluzione, matematica, brindisi minacciosi al re e quella frase terribile, "Non ho tempo".

Avere vent'anni per sempre. La talentuosa e sfortunata Marina Keegan e il suo "Il contrario della solitudine", tra lettori onniscienti, speranze, i migliori anni della nostra vita ed enormi meduse luminose che danzano davanti a noi, come un'illusione.

"Anime baltiche", una recensione a base di saune, streghe, rivoluzioni bolsceviche, conflitti sociali irrisolti, paesaggi lunari e tragiche morti in diretta tv. Un libro per affacciarsi su un mondo.

Il Nulla che si propaga come una malattia, la perdita di senso e il disperato tentativo di trovarlo, ad ogni costo. Una recensione di "Dio odia il Giappone" di Douglas Coupland.

Quattro letture per il 25 Aprile, il giorno in cui l'Italia vide la fine di un incubo (di cui fu ampiamente connivente) durato più di vent'anni. Dai singoli ad un intero popolo che seppero dire NO, dal coraggio immenso delle donne al sacrificio estremo di sette fratelli, per non dimenticare mai.

"Skim" delle cugine Tamaki, quando lo specchio della realtà si rompe ed emerge solo la verità. I sedici anni di qualcuno che voleva solo essere libero di vivere a suo modo.

Libri da leggere prima dei 17 (facciamo 18) anni. Passioni, sesso, dolori, incomprensioni e vita tra i banchi che si gustano appieno solo finché sui banchi ci siete ancora e carpite l'attimo!

L'assai (per me) mysterioso legame che esiste tra gli esseri umani e gli animali. L'inquietante gatta Tommasina, il tenero Toby e infine il coraggioso Buck, che più di tutti ci ricorda che non basta indossare la pelle di un essere umano per esserlo davvero.

Dove eravate tutti? L'adolescenza che non viene raccontata nelle storie precofenzionate degli esordienti italiani, l'atroce dubbio e qualcuno che finalmente risponde. La recensione di "Comunque vada non importa" di Eleonora Caruso.

Figure femminili dell'antica Roma ingiustamente poco conosciute! Da "Lavinia" di Ursula K. Le Guin, una serie di piccoli consigli libreschi che rendono giustizia a imperatrici, matrone, garanti di porpore e raffinate intellettuali.

Piccole recensioni tra amici, il ritorno! Indiani, fili conduttori, speed date letterari, famiglie felici a modo loro e piene di arcobaleni e ragazzini con dubbi amletici, per una serie di stellati consigli.

Ognuno di noi sceglie gli eroi che si merita (e non sempre è un bene). Tra l'eroe da blockbuster de "L'uomo di marte" e l'eroe che soccombe di Matheson, tu da che parte stai? (Da leggere ascoltando "Gli spietati" by Baustelle

Piccole recensioni tra amici (un post duramente combattuto durante le vacanze familiari)! Greci un po' così, bellissimi Carnet de Voyage giapponesi e una piccola grande saga familiare!

Piccole recensioni tra amici (un post duramente combattuto durante le vacanze familiari)! Greci un po' così, bellissimi Carnet de Voyage giapponesi e una piccola grande saga familiare!

"Maledetti fumetti"! Storia di una censura e di una repressione made in Usa contro uno dei generi più interessanti del nostro tempo. Roghi, leggi, conservatori, pazzi, personaggi romanzeschi e aneddoti di un mondo nato dalla rivalsa e dalla fantasia!

Un'analisi filologica di "50 sfumature di grigio" coraggiosamente letto con risultati inaspettati (no, per inaspettato non intendo che è un bel libro). Tra noia profonda, donne spaccapalle, vergini delle rocce, harmony e principi azzurri i tre motivi per cui ha, secondo me, affascinato le masse.

"E la chiamano estate" anche quell'estate in cui l'infanzia corre via e l'età adulta si presenta con uno strano benvenuto. La graphic novel delle cugine Tamaki e la loro magica capacità di ricreare quel momento da cui non si torna indietro.

Piccole recensioni tra amici! Tre autrici (scelta completamente casuale) che non hanno niente in comune tra loro: i racconti della Ogawa, i cuori solitari della McCullers e gli orrori piccolo borghesi della Pineiro!

La libertà personale ai tempi di internet, quando la strada del diavolo rischia di essere lastricata di buone intenzioni. Tra Berlusconi, Eggers e Zerocalcare e la temibile anagrafe italiana, una riflessione libresca sull'erosione delle nostre possibilità.

Libri per bambini che forse hanno più da insegnare agli adulti. Seconda infornata di titoli bambineschi, stavolta non per piangere, ma per imparare cose che avremmo dovuto conoscere tanto tempo fa o che forse conoscevamo, ma diventando vecchi barbogi, abbiamo dimenticato.

Bellissimi libri per bambini che fanno piangere gli adulti. Tra libri volanti, vento impetuoso, nonni e neomamme, forse solo la narrativa per ragazzi riesce ormai ad andare al cuore delle cose e ad aprire il nostro.

Libri pornografici. La difficoltà scrittorie del rendere credibili e non penose le scene di sesso: fallimenti e successi, postporno e battaglie (e una recensione di "Libere" di Héléna Maarienské).

L'orrore che si nasconde dietro l'ovvio. "Ring" di Koji Suzuki, "Edward mani di forbice", il male che non può essere perdonato e il mostro che si nasconde in fondo a un pozzo. Dentro di noi.

Un piccole recensioni tra amici in onore di quella gloriosa terra piena di tortellini, mayali e comunisti che è l'Emilia Romagna: investigatrici, Rimini e Tondelli per un Eden immaginario.

Nuova rubrica: "Piccole recensioni tra amici"! Recensioni mignon (per i miei standard) di libri vari ed eventuali che mi passano tra le mani. Per cominciare: Dylan Thomas, Shopping e inutili magie giapponesi

Sul misterioso successo de "Il comunismo spiegato ai bambini capitalisti" di Gerard Thomas. Cosa rende un bignami di storia per ragazzini uno dei successi dell'anno? Forse una risposta sensata c'è, tra feste dell'Unità, nuove lotte di classe, vergogna e una certa pulce.

"Sesso, droga e rococò" la storia del falsetto attraverso i secoli di Massimo Di Vincenzo. Da Darkness ai Pooh, da Farinelli a Prince storia di una per me stramba usanza musicale.

La sindrome di Frodo Baggins. Katherine Mansfield e il destino di Paul, protagonista di "Poco raccomandabile" in quella lotta incessante dell'anima contro la normalità.

"Stoner" e la lezione di Ivan Il'ic: la minuzia che travolge una vita intera lasciando macerie dentro e fuori. Eppure chi cerca instancabilmente qualcosa si salva sempre, nonostante tutto.

"Rosa candida" e "L'eccezione" di Auour Ava Olafsdottir, splendori e orrori di una narratrice che sa descrivere l'infanzia. Quante stelline con farfalline e glitter diamo ai suoi romanzi?

Quando (tristi) film si avverano e ignoti lavoratori muoiono. "La vita è meravigliosa", Philip Marlowe e lo spirito di un'epoca. Recensione pensierosa de "Il lungo addio" di Chandler

La nostalgia precoce dei nati negli anni '80. Tra Zerocalcare, Grayskull, Memorie a 8 bit e l'effetto "figlio di Garibaldi", la confusione di chi nasce sul limitare di due epoche.

"La rosa bianca non vi darà pace". La giovane resistenza che puntò il dito contro la connivenza di chi finge di non vedere. Un libro per ricordare l'ineluttabile monito di Sophie Scholl e dei suoi compagni.

"E ritaglia una lunga speranza in un breve spazio". I ricordi stranamente archetipici di Michel Rabagliati in "Paul ha un lavoro estivo", l'amore, la montagna e gli scout.

Cibo, ricette e militanza. Tra Sartre, chef Rubio e Marinetti, tre libri per ricordarsi che ciò che se magna non ti rende più fico, ma sicuramente potrebbe renderti una persona migliore.

In onore di Conchita! Libri che hanno per protagonisti rappresentanti del cosiddetto terzo sesso: alieni di mondi lontani, adolescenti in lotta, dei sfigati, cantanti liriche e attrici sadiche. Perché anche loro son sempre esistiti e nessun odio li/le cancellerà mai.

Una piccola selezione di libri per bambine e bambini contro gli stereotipi. Principesse che vogliono uccidere draghi, extraterrestri asessuati, ovetti curiosi e bambole agognate per pargolanza libera di scegliere.

"L'incolore Tasaki Tsukuru e il suo anno di pellegrinaggio", il dolore e il rimpianto per le cinquecento catenelle che si spezzano in un secondo. L'amicizia e il dolore che non viene raccontato perché così è la vita.

Frida Kahlo. Una piccola bibliografia post-mostra su una piccola donna geniale che il merchandising del nuovo millennio sta cercando di fagocitare.

Piccoli libri per piccoli tragitti: "Una tragedia imperiale. Federico II e la ribellione del figlio Enrico". Il rapporto tra un padre e un figlio perso nelle maglie della storia.

"Come vivere con un pene enorme", una recensione queer sospesa tra i forum per circoncisi, collezioni di Men's Health e sottotesti (che forse non esistono).

La giovinezza, la passione e il sacrificio: "Una vita tra i margini" di Yoshihiro Tatsumi e "Uno zoo d'inverno" di Jiro Taniguchi, ecco ciò che trasforma i sogni in realtà, senza nessuna magia.

"Perché non era previsto che noi sopravvivessimo". Tra anarchiche giapponesi e texane, poetesse ambigue e garibaldine coraggiose, bozzetti biografici di donne che hanno fatto la storia e la storia non ricorda.

Marguerite Duras, la scrittrice che sapeva vivere. Dall'Indocina con le tigri portate dai fiumi, alla Francia in guerra, le ragioni di un fascino che bruciò fino all'ultimo.

Piccoli libri per piccoli tragitti. "Piove governo ladro!", tra femminicidi, cocaina e scimmie, quel Gramsci che non ti aspetti.

Due piccoli libri per piccoli tragitti per interpretare l'inquietante follia dei nostri tempi. "La quarta Italia" di Joseph Roth e "Noi sognavamo un mondo diverso" di Germano Nicolini. Quando la storia si ripete.

"Guida alla letteratura di fantascienza", fantastico tomo in cui è racchiuso un mondo! Papi premonitori, sexy alieni, futuri apocalittici, Hitler redivivi! Perché questo è un libro da avere e consultare indefessamente.

Il frutto delle lunghe nottate passate a vedere film indipendenti americani: "Tu più di chiunque altro" di Miranda July. La verità dietro l'assurdo.

Un percorso di lettura sul Femminismo. Perché non tutti gli ismi sono uguali. Dichiarazioni storiche, postporno e Simone e anche uomini, perché no?

Libri su e per Fabrizio De André. Discutibili biografie, ma soprattutto un libro per ognuno dei suoi album. Dove viaggia la vostra mente quando lo ascoltate? E se non lo ascoltate cos'altro avete fatto finora??

La parabola molto umana dei granchi della Gironda di Arthur de Pins. L'evoluzione è sempre un bene o rischiamo solo di inseguire una luce fatale?

Pettegolezzi settecenteschi su "Piccoli libri per piccoli tragitti"! Lo scandalo della collana, Maria Antonietta e quel grande gioco di specchi e menzogne che sono le chiacchiere mai innocenti!

Due piccoli libri per piccoli tragitti! Selvaggio West e selvaggia Australia a noi! Tra le lettere di Calamity Jane e le bistecche di Jack London.

Piccoli libri per piccoli tragitti. "Biografia di uno scrittore da quattro soldi" di....H. P. Lovecraft! La campana del maestro del fantastico con tanto di taccuino (giocabile) nel finale!

Piccoli libri per piccoli tragitti. "Lo zen nell'arte della scrittura" di Ray Bradbury o anche la gioia dello scrivere e il tradimento dei libri.

E per la neonata rubrica "Piccoli libri per piccoli tragitti": "Lettera a D." di André Gorz, quando l'amore va oltre il tempo.

La satira migliore: fingersi stupidi per scoprire gli stupidi. Davide La Rosa e le sue mitiche suore ninja (con tanto di gioco suoresco a tema finale!).

Libri sui libri. Dalle invettive sulla stampa, creatura meretrice serva del demonio, alla storia universale della distruzione dei libri. Chicche per veri intenditori.

Che cos'è "Un lavoro vero"? Quello che ti fa guadagnare abbastanza o quello che desideri? Una graphic novel di Alberto Madrigal per sentirsi meno soli in mezzo alle grandi domande esistenziali.

"Il blu è un colore caldo", il capolavoro "tipo" di Julie Maroh e la grande tradizione della tragedia lesbica. Da Saffo a "Il pozzo della solitudine", volevamo forse cambiare strada nel 2013?

"L'autunno del '79" di Hugues Barthe e "Blankets" di Craig Thompson. Storie di adolescenze salvate dal buio grazie ad una sola breve stagione.

Ogni occasione ha il suo libro. Un piccolo luminoso saggio per chi viaggia sui mezzi ma per poco tempo. Zadie Smith, "Perché scrivere".

Haruki Murakami, il David Lynch della narrativa contemporanea. Anche se tendete a schifarlo, una possibilità, credetemi, se la merita.

"Fun home" di Alison Bechdel, (e tutte le sue altre opere!) una graphic novel sulla vita e il conto che ci riserva alla fine. Non per forza così terribile.

"Noir" di Luca Crovi e "Le regole del giallo" di P. D. James. Interviste, misteri, leggende, curiosità e consigli da chi il noir l'ha inventato, reinventato e rivoluzionato.

Distopie poco conosciute. Il gemello cattivo di "1984", mondi antiglobalisti, il momento prima del caos e mostruosi uteri in affitto!

Mysteriosi manoscritti di giochi e scacchi! Il "Libro de los juegos" e il "De ludo scachorum", quando gli antichi ne sapevano già molto più di noi.

Vite parallele di due fotografe donne, emancipate e comuniste: Tina Modotti e Gerda Taro!

La poetessa sturm und drang per eccellenza: Sylvia Plath. O anche quando un diario diventa un falso storico.

Libri piccoli (ma gustosi) per lunghe attese. Biciclette che spingono all'omicidio e bambini forse un po' troppo appetitosi!

Libri da Indiana Jones. "La falsa scienza" e il vero verissimo Manoscritto Voynich.

Yukio Mishima. "Le confessioni di una maschera" di un controverso samurai.

Alan Turing. Il genio gay che morse la mela.

Giovani vite cinesi bruciate. La borghese "Shanghai Baby" e il reietto "Il maestro della notte".

"L'intervista" di Manuele Fior e "Vertigine" di Melissa P. Le vette (il primo!) e gli abissi mortali (il secondo) delle graphic novel italiane.

Il grande Dramma del rientro. Altro che Maldive, la vera Isolatria è solo per la Sardegna.

Grandi romanzi di formazione senza grande melodramma. Fante e Winterson!

La Somma: Marion Zimmer Bradley. Autrice di fantasy che non erano fantasy.

Vortici di vite surreali: Pablo Tusset e A.M. Homes!

Quando il giallo non è (solo) giallo. Patricia Highsmith!

"L'importo della ferita", porcherie italiane messe alla berlina. Ps. non è un post per gli amanti di Sangiorgi

Vincere lo snobismo contro gli autori italiani: si può fare! "Rimini" di Pier Vittorio Tondelli!

Letture Giapponesi. Natsume Soseki e "Il Signorino".

Mamma, che ne dici di un anarchico a Milano? "La vita agra" di Luciano Bianciardi.

Gli antichi greci e la loro arte di sapere già ogni cosa (pur portando enormi falli in trionfo).

Letture intelligenti. Caitlin Moran e la sua frezza bianca.

"Quello che resta", per Stefania Noce.

Yatuu!!

"Perché Milano è meglio di Roma" (sì vabbeh ve piacerebbe..)

"I Segreti di Murakami", il primo libro sul giapponese più amato in Italia.

1 commento:

  1. Conosci una biografia dettagliata su sinead o'connor scritta da una donna?
    ho spulciato su internet ma nadadenada! :-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...