giovedì 8 settembre 2016

Annunciazione!!Annunciazione!! A Novembre esce il libro di vignette e fumetti tratti dal blog per la 001 edizioni!! A voi un fumetto per spiegare come si è arrivati a tutto ciò, "Come fu che iniziai a fare fumetti"!

Ed eccolo, l'annuncio del grande evento che avverrà in Novembre.

 Squillino le trombe, cantino i cherubini, si intonino cori angelici: USCIRA' UN LIBRO DI VIGNETTE E FUMETTI TRATTE DAL BLOG.

 La splendente casa editrice è la 001 edizioni e anche mentre ve lo scrivo sono in una sorta di felice agitazione per vari motivi.

 Il primo è che ovviamente cesserà lo pseudo-anonimato con cui ho sempre tenuto il blog, ergo saprete il mio vero nome (ma non dirò dove lavoro ovviamente). 

Avevo scelto all'inizio uno pseudonimo per tanti motivi, ma in effetti dopo tre anni aveva anche senso dare una svolta in questo senso.

 Il blog è nato come necessità di riprendere la mano con la scrittura e desiderio di mettermi alla prova in un periodo un po' solitario della mia vita e poi è diventato molto altro, grazie alle ore che ci ho impiegato nel curarlo e grazie a voi che lo seguite (scusate le frasi da youtuber quindicenne) e che, devo dire, nel grande marasma di internet, siete sempre stati su tutti i social i lettori più stimolanti e meno polemici (ho dovuto domare tre flame in totale) della terra.
 Devo ammettere che io ho sempre scritto, sono il tragico esempio di libraia che aspira a diventare scrittrice, quindi non avrei mai immaginato che un giorno avrei combinato qualcosa coi miei fumetti. 

 Disegnavo bene tanti anni fa, ma poi ho smesso per tanto di quel tempo che la mano si è quasi totalmente persa. Tuttavia, mentre lavoravo a questo fumetto per annunciarvi l'uscita del blog, ho forse capito che in realtà è stato meglio che, per ora, sia andata così. 
 Certe volte, (lo so, è una banalità degna di un libro motivazionale), ci si rimette sulla giusta strada passando per inimmaginabili vie secondarie che poi secondarie non sono per niente, semplicemente non le avevamo mai colpevolmente prese davvero in considerazione.

 Vabbeh, dopo questo drammatico sproloquio ecco a voi il fumetto in cui si narrerà la mia genesi di pseudofumettara.
 Non appena saprò la data esatta di uscita inizierò a tappezzare la pagina di annunci e, a fine ottobre, appena riesco a tornare alla casa madre, tenterò persino di girare uno spot con l'aiuto della sorella di mezzo e del tenero fidanzato.
 Intanto grazie a tutti e tutte!!
 "Come fu che iniziai a fare fumetti" o anche "A novembre esce il libro del blog!"













24 commenti:

  1. Ok, almeno due copie le hai giá vendute 😊😊

    RispondiElimina
  2. 🎉🎉🎉 lo comprerò! :)

    RispondiElimina
  3. sono molto somigliante da come mi hai ritratto eheheheh

    zio max

    RispondiElimina
  4. Ma che bella cosa! Complimenti! ^__^
    E così hai conosciuto Scuzzarella & Co., eh! Terrò d'occhio le loro pubblicazioni di novembre, allora (ma uscite in anteprima a Lucca, per caso?).

    Per il resto, come al solito, fumettino strepitoso (credo però ci siano due tavole invertite). Mi ha fatto molto ridere vederti in versione pargola, con vestitini e capelli lunghi, e sapere che anche tu nascondevi i fumetti dietro ai libri di scuola. Mi sa che l'abbiamo fatto in tanti XD
    Scoprire che esistevano i fumetti dei nostri cartoni animati preferiti è stata un'epifania, vero? Quando ho visto il mio primo manga in edicola (I Cavalieri dello Zodiaco Granata Press), sono quasi svenuta (anche se ne conoscevo già l'esistenza: ma quelli ricolorati e pubblicati a puntati dalla Fabbri o dal Corriere dei Piccoli a inizio anni '80 erano altra roba).
    Ora però c'è un problema: voglio assolutamente leggere le avventure di Piddu, lo scarafaggio sardo! Come possiamo fare? XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia madre amava moltissimo quei vestiti coi collettoni che andavano di moda negli anni '80, inizio '90 (altro che foto della DDR) e ovviamente i capelli lunghi, eccezion fatta per l'estate, quando mi tosavano quasi a zero perché se no era troppo scomodo asciugare i capelli al mare, dove stavo tre mesi. Non li porto più lunghi ormai da metà delle superiori!
      Concordo coi manga, so che ora fa super vintage, ma l'emozione dello "scoprire" i manga in edicola è una cosa stupefacente. Il giorno prima sei un bambino che non ci fa caso, il giorno dopo epifania giapponese e lì inizi a capire che stai crescendo e ti accorgi di cose prima invisibili.
      Per quel che riguarda Piddu lo scarafaggio sardo, anche qualcuno su fb le vuole leggere! Fortunatamente per noi tutti, li avevo donati alla mia amica (fossero rimasti a me si sarebbero persi come tutto quanto) che li ha gelosamente conservati. Quindi se volete posso scansionarli la prossima volta che torno a casa!
      (Ps. Da quel che so no anteprima Lucca, ma ho sempre paura di dire cose sbagliate!)

      Elimina
    2. Ps bis Sì, avevo fatto un casino con le tavole, ora dovrebbero essere al loro posto!

      Elimina
    3. Omiddio, voglio leggere lo scarafaggio Piddu! Congratulazioni :)

      Elimina
    4. Per fortuna quella sottoposta ai vestitini, a casa mia, è stata mia sorella. Io già a 7 anni mi ribellai, e rifiutai categoricamente di indossare gonne da lì in poi (ad eccezione di cresima, comunione e giusto un paio di sottane originali che apprezzai nei 10 anni successivi). I collettoni invece mi toccò comunque subirli sulle camicette, ma vabbè, venivano di default con gli anni '80, temo ^^;

      Per i capelli, invece, tutto il contrario: mia madre odiava pettinarceli e acconciarceli. Io li ho sempre avuti particolarmente ribelli, mia sorella foltissimi e a spaghetto su una faccia a luna piena totalmente impraticabile per i tagli lunghi. Morale: capelli cortissimi per entrambe fino all'età della ragione, quando ognuna ha poi potuto fare quel che le pareva. In pratica, fino ai 14 anni mi hanno quasi sempre scambiato per un fantomatico figlio maschio... Ogni famiglia ha i suoi drammi XD

      Resto in attesa spasmodica di leggere le avventure di Piddu! *__*

      Elimina
  5. Congratulazionissime!
    Che bello quando le stradine secondarie buie e silenziose si rivelano tratti della strada principale ^_______________^

    Ma... il vulcano, davvero? Come alla fiera annuale nelle scuole dei telefilm/cartoni animati amerregani? Davvero davvero?
    (notare come in tutto il fumetto a me la cosa più strana sembra questa xD)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ricordo che c'era un qualche robo interno che doveva eruttare salsa e dovevamo costruire. Ricordo anche che non lo fece nessuno e tutti si limitarono a produrre un plastico -.- Una classe di architetti, ma non di ingegneri.

      Elimina
  6. Oh, complimenti! Il tuo blog lo leggo sempre super volentieri - cioé non mi perdo un posto. Ho letto più di qualche libro che hai consigliato nelle recensioni.
    Ancora congratulazioni

    RispondiElimina
  7. Complimenti, Ggggiovane Libraia! (Ci sarà anche l'ebook?) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confesso che al momento non ne ho la minima idea. Quando saprò data e tutte le informazioni utili farò un gigapost!Oltre allo spot verofinto s'intende.

      Elimina
  8. Ti faccio moltissimi complimenti, anche se i fumetti sono la parte che mi piace di meno del blog (non picchiarmi!). Avrei preferito un libro delle tue recensioni, ma è solo un gusto personale. Sono veramente contenta perchè ti meriti di fare un libro.

    RispondiElimina
  9. Congratulazioni, e complimenti all'editore per l'ottima idea ^__^
    (Ci hanno portato un vulcano, una volta, all'esame di terza media. Un lavoro fatto molto bene, anche se l'eruzione fu più vivace del previsto e dovemmo lavorare un po' di spugna per ripulire i banchi da una strana salsa rossa. L'alunna prese un ottimo voto)

    RispondiElimina
  10. Congratulazioni! Spero ci metterai anche Piddu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No beh, Piddu fortunatamente per tutti noi, finora è stato appannaggio solo degli occhi della mia amica Marta. La notizia positiva è che essendo lei molto ordinata (al mio contrario) e avendo conservato lei i fumetti, essi sono ancora tra noi e non solo nei recessi della mia memoria.

      Elimina
  11. Congratulazioni! Sappi che fin da quando un fatale pomeriggio del 2014, durante una noiosissima lezione di Procedura Penale Progredita, io e il mio ragazzo - vampirizzando con il mio portatilino d'anteguerra il wifi della Statale - abbiamo scoperto questo blog non abbiamo cessato un secondo di fare un tifo sfegatato per te!
    Peraltro, con la sola eccezione notevole di MedBunker, io non seguo altri blog, quindi il tuo è incontestabilmente il più meritevole su piazza.
    Un augurio di successo!

    RispondiElimina
  12. Sono incappata nel tuo blog alle 5:52 di mattina durante un momento di insonnia assassina e paranoie sulla vita, e ogni singolo passaggio di questo fumetto è precisamente la mia vita (a parte il fatto che non ricordo di aver mai creato un vulcano eruttante in vita mia e che invece di fare un libro coi fumetti ho mollato, anche se stasera dopo milioni di anni ho scribacchiato una vignetta... chissà...?)

    Grazie per questa picccola emozione!
    Saluti dal freddo nord davvero (sono a Oslo...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona Oslo!! :D
      Sei la prima che mi dice una cosa del genere! Sono onorata :)
      In bocca al lupo per le tue vignette e fumetti, succedono molte cose incredibili a tentare e tentare (e per incredibili intendo "davvero difficili da credere) :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...